window horses

Window Horses vince il Future Film Festival 2018

 
Platinum Grand Prize al film Window Horses: The Poetic Persian Ephifany of Rosie Ming, della regista canadese Ann Marie Fleming e prodotto dal National Film Board of Canada.
 
La giuria, composta dal giornalista Giorgio Tonelli, dal fumettista Luca Genovese e dallo scrittore e regista Filippo Porcelli ha scelto di assegnare il Platinum Grand Prize al film Window Horses: The Poetic Persian Ephifany of Rosie Ming (Canada, 2017, 85′)di Ann Marie Fleming: per la ricchezza emotiva raccontata con un segno grafico ricercato e sintetico che ti accompagna in un viaggio di scoperta e di crescita inaspettato”.
Window Horses, prodotto dal National Film Board of Canada, in anteprima italiana al Future Film Festival, è un film magico che riflette sul dovere di abbattere tutte le barriere culturali e generazionali. La protagonista è Rosie Ming, una giovane poetessa canadese di origini cinesi, che viene invitata a un festival di Poesia in Iran. Giunta là, per la prima volta lontana dai suoi nonni iperprotettivi, conosce altri poeti che la costringono a fare i conti con le sue origini e la sua storia. Ann Marie Flemingnata in Giappone, di origini cinese e australiana, vive in Canada; è emersa per la prima volta dalla scena artistica della West Coast negli anni ottanta. Il film è ampiamente finanziato dal Crowdfunding attraverso Indiegogo.
 

 

 
 La giuria ha assegnato inoltre la menzione speciale a La Casa Lobo (The Wolf House), di León e Cociña (Cile, 2018, 73′) “per la ricerca espressivo-narrativa, che coniuga la necissità autoriale con l’impasto visivo”. Ispirato alla storia vera della setta di origine tedesca chiamata Colonia Dignidad, che commise atroci violenze in collaborazione con la dittatura di Pinochet, The Wolf House è un grande film, inquietante e caotico, animato in stop-motion, capace di dare forma allo spettro mai sopito della dittatura.
 

 
La giuria del Premio Future Film Short, inoltre, composta da Swan Bergman regista e sceneggiatore, Stefano Amadio giornalista e da Andrea Baricordi fumettista, ha scelto INANIMATE di Lucia Bulgheroniper aver saputo utilizzare al meglio le tecniche dell’animazione rendendole protagoniste e coniugandole all’irrisolvibile dubbio esistenziale.

 

 
La giuria ha voluto inoltre segnalare con una Menzione Speciale altre due opere, XIAN, di Roxane CampoyPauline LeduMyriam Belkheyar, Gwenaelle Bavoux, “per aver mostrato il potere dell’animazione che diventa mezzo di narrazione innovativo coniugando passato e futuro” e RERUNS di Rosto che conferma la padronanza dell’integrazione di tecniche miste, con una poetica originale e inconsueta”.

 

Autore dell'articolo: Redazione

Redazione
Un portale interamente dedicato al mondo dell’animazione con news, trailer, recensioni e interviste. Uno sguardo completo sul cinema e le serie d’animazione dalle grandi produzioni ai progetti indipendenti. L’animazione a 360° è solo su Mellow!