1047504-gkids-sets-us-theatrical-release-mamoru-hosodas-mirai

Mirai di Mamoru Hosoda: ritrovare le nostre origini

Esce nelle sale italiane dal 15 al 17 ottobre Mirai, il nuovo film del regista Mamoru Hosoda, distribuito da Nexo Digital. Mirai è un film che parla di famiglia, del rapporto genitori-figli, e soprattutto del percorso di cambiamento che tutti viviamo inevitabilmente nel corso della vita. Kun, bambino di quattro anni, si trova ad affrontare un’esperienza che sconvolge l’equilibrio della sua routine: l’arrivo di una sorellina. Inizialmente entusiasta della cosa, si renderà presto conto di cosa questo comporta: meno attenzioni, meno coccole, meno giocattoli, meno (apparentemente) amore. Grazie alle magiche apparizioni a cui assiste nel cortile di casa, avrà modo di capire meglio quello che sta vivendo; attraverso i suoi sogni ad occhi aperti conoscerà il suo cagnolino, sua madre quando era una bambina, il suo bisnonno da giovane, e sopratutto la sorellina Mirai, venuta dal futuro.

42694-mirai-hosoda

Mirai è un film che evolve lentamente, iniziando come semplice cronaca di vita di una normale famiglia giapponese. Ci si lascia quasi cullare dalle scene quotidiane di risvegli, pranzi, litigi, tra i capricci di Kun e la stanchezza e frustrazione dei suoi genitori. Pian piano però il film ci conduce dove davvero dobbiamo arrivare: a capire che la nostra vita e quella di tutti i nostri familiari, presenti e futuri, sono intrecciate tra di loro, in una rete che determina chi siamo e chi saremo.
Ogni nostra scelta influisce sulle persone che ci circondano, e il modo in cui ci comportiamo con loro influisce sui ricordi, belli o brutti, che riusciremo a collezionare, come spiega Kun adolescente al Kun bambino in un’altra delle sue visioni.
Perfino il cagnolino di Kun, in una delle prime scene del film, dà il suo contributo alla crescita del bambino spiegandogli che prima del suo arrivo, anche lui si considerava “il principe della casa”, ed era amato e riverito da tutti: l’arrivo di Kun a suo tempo rivoluzionò la sua vita, per certi versi rendendola più difficile. Ma nonostante questo, il cucciolo non può fare a meno di amarlo e di giocare con lui, perché questo è ciò che spesso avviene in famiglia: le difficoltà e le incomprensioni sono il prezzo da pagare per avere delle persone che ci amano e rendono unica la nostra vita.

679f388a-a5c4-11e8-851a-8c4276191601_1280x720_102958
Il meraviglioso stile 2D del lungometraggio riserva di tanto in tanto delle sorprese, come in una delle migliori scene del film: quando il piccolo Kun si perde nella immensa stazione di Tokyo, tenta di rivolgersi all’ufficio oggetti smarriti, dove uno straordinario e magico inserviente lo classifica come oggetto smarrito e lo sprona a capire chi è e quali sono le sue radici, per poterlo riconsegnare alla sua famiglia. Disegnato con uno stile straordinario memore della pittura futurista, l’addetto regala uno dei momenti più magici e inquietanti della storia.

Cattura di schermata (785)
Insomma, un film delicato che, scena dopo scena, ci porta a ricordare i bambini che siamo stati e a riflettere su ciò che vogliamo diventare.

Autore dell'articolo: Dory

Dory
COFONDATRICE e ART DIRECTOR – «Chiunque può cucinare» (Ratatouille) – Laureata in Design della Comunicazione presso il Politecnico di Milano, animatrice e modellatrice 3D. Si interessa di animazione in tutte le sue forme, dalla stop-motion all'animazione tradizionale alla CGI.