bela-e-a-fera-vitral1

I 5 inizi più straordinari del cinema d’animazione

“Chi ben comincia è a metà dell’opera” diceva Mary Poppins. E in effetti molti film d’animazione sono in grado di stupirci  e affascinarci fin dalla prima scena, facendoci immediatamente immergere nella storia. Che siano epici, drammatici, romantici o semplicemente magici, alcuni inizi sono ormai scolpiti nella nostra memoria, e ci emozionano ancora a distanza di anni!

Ecco una selezione di cinque stupende scene iniziali di film d’animazione:

 

5. Mulan

Un film epico come Mulan non poteva non avere un inizio incredibile. Il sacrificio del soldato cinese per avvisare il suo popolo dell’arrivo degli unni è davvero toccante, e lo sguardo di Shan Yu riesce sempre a mettere i brividi

 

4. La sposa cadavere

Originale e incantevole l’inizio de La sposa cadavere, capolavoro di Tim Burton, in cui vediamo il giovane Victor liberare una farfalla azzurra dopo averla ritratta nel suo album. Volando leggera tra le vie della città, la farfalla rappresenta le anime pure e generose (come quella del protagonista), a contrasto con l’avidità e la volgarità degli altri cittadini.

Qui potete vederlo con una diversa colonna sonora, realizzata per un progetto universitario statunitense.

 

3. Anastasia

Con una colonna sonora magnifica e dei dialoghi indimenticabili, la sequenza iniziale di Anastasia merita sicuramente il terzo posto. Il racconto della nonna di Anastasia riesce a narrare meravigliosamente il cambiamento storico di un’epoca e il dramma della perdita della sua famiglia.

 

2. La bella e la Bestia

«Ma lei lo avvertì di non lasciarsi ingannare dalle apparenze, perché la vera bellezza si trova nel cuore». L’indimenticabile voce di Nando Gazzolo, nel doppiaggio italiano, ci regala una intro magica e indimenticabile accompagnata da una sequenza animata che riprende lo stile delle antiche vetrate decorate.

 

1. Kubo e la spada magica

Recente capolavoro dell’animazione, Kubo e la spada magica può vantare una meravigliosa scena iniziale nella quale Sariatu, la madre del protagonista, difende il figlio fin quasi a perdere la vita, fuggendo da chi vuole fargli del male. Questa scena, il cuore dell’intero film, non è mai cambiata in fase di lavorazione e lo stesso creatore Shannon Tindle ne ha raccontato la fondamentale importanza (La vera storia dietro Kubo e la spada magica).

Autore dell'articolo: Dory

Dory
COFONDATRICE e ART DIRECTOR – «Chiunque può cucinare» (Ratatouille) – Laureata in Design della Comunicazione presso il Politecnico di Milano, animatrice e modellatrice 3D. Si interessa di animazione in tutte le sue forme, dalla stop-motion all'animazione tradizionale alla CGI.